feed

feed

Alla ricerca di annunci di Lavoro, Offerte, Stage e Master

Aprire un’attività, quali le più convenienti?

di: matelda.b | in Attualità, segnalazioni, recensioni..... | Tag: , ,



Centro Commerciale Aprire unattività, quali le più convenienti?Siamo ormai stanchi di dirlo e di sentirlo, ma questo è davvero un periodo di crisi. Pochi, anzi, pochissimi i settori di commercio al dettaglio che nonostante tutto riescano a stare ancora a galla.

In un epoca dove i negozi di abbigliamento, di casalinghi, di generi alimentari, per non parlare di pizzerie, fast-food, ristoranti eccstanno chiudendo, quale attività aprire, dunque, senza rischiare un crollo immediato?

Innanzi tutto tra i primi posti, vediamo le farmacie, ma che sono alla portata dei soli laureati in farmacologia. Altra idea potrebbe essere quella dei detersivi ricaricabili, anche se ormai stanno arrivando in tutti i supermercati, oppure dei prodotti biologici, di cui i reparti degli ipermercati straboccano.

Sapete allora, qual è l’attività che sicuramente ha avuto un rallentamento, ma non un crollo paragonabile alle altre? Il Sex Shop. Ebbene si, cari lettori. Sembra che gli italiani si concedino volentieri un giochino sexy, piuttosto che una cena fuori o un bel maglioncino.

Salute e trasgressione, quindi, sono i settori che tengono meglio.

Mentre, però, per aprire una farmacia occorre avere un titolo di studio appropriato, il sex shop è un negozio come un altro, il difficile è cercare di rimanere seri quando si propongono i vari prodotti ai clienti, che, qualche volta, hanno delle esigenze davvero particolari.

Se, però, siete persone senza inibizioni, l’idea può essere davvero interessante, soprattutto per chi vive in provincia, dove non c’è molta concorrenza.

Per intraprendere un’attività di questo genere, non occorrono permessi speciali, la procedura è la stessa che si deve seguire per aprire un qualsiasi altro negozio. Tra l’altro oggi come oggi, la diffidenza verso i sex shop sta svanendo, per cui i clienti sono maggiori rispetto al passato, basti pensare alle donne che fino a poco tempo fa erano quasi bandite da “posti di questo genere”.



Share
 

Nessun Commento »

Puoi lasciare una risposta, oppure fare un trackback dal tuo sito.


Vuoi essere il primo a lasciare un commento per questo articolo? Utilizza il modulo sotto..

Lascia un commento




Il tuo commento: